il logo di www.minieredisardegna.it

Vai all'intervista di:

Figli di Miniera

L'intervista a Daverio Giovannetti, Ex leader sindacale

I temi dell'intervista a Daverio Giovannetti

  1. Franco Farci
  2. Antonio Congia
  3. Giampiero Pinna
  4. Sandro Mezzolani
  5. Ilio Salvadori
  6. Sandro Putzolu
  7. Tarcisio Agus
  8. Daverio Giovannetti
  9. Gianfranco Bottazzi
  10. Giampiero Pinna (2)
  11. Peppuccio e Angelo
  12. Alessandra Fantinel
  13. Franco Esu
  14. Ricordi sparsi dei minatori di Buggerru

La politica di verticalizzazione inconclusa degli anni Sessanta

La delusione perché si avevano grandi sogni, si pensava ancora grandi anni di vita, ma poi ci siamo ritrovati con la fine. E poi la delusione è data dal fatto che molte di queste idee son passate sulla nostra testa, sono andate a finire nella speculazione, in investimenti massicci, impossibili, che hanno praticamente messo a terra l'industria mineraria. Tanti investimenti, grossi finanziamenti che vi sono stati da parte della Regione, da parte dello Stato: le famose leggi minerarie, sulle quali mi sono battuto anche al Senato, nel periodo che ero al Senato, la Legge mineraria.

Praticamente è stata sfruttata a senso unico, e non ha dato quelle verticalizzazioni che si voleva. Perché la nostra idea era quella di avere le verticalizzazioni, di potere avere qua la trasformazione completa, passare alle industrie. Ma su questo è rimasto un sogno, un desiderio non mai…

Sì, si era avuta anche quella storia dell'alluminio, quando è stata fatta la proposta dell'impianto di alluminio in Sardegna. Noi avevamo obiettato: "Ma perché l'alluminio? Noi non abbiamo minerali di alluminio!" E ci era stato detto: "Ma voi avete l'energia elettrica", della grande centrale che si stava costruendo. E soprattutto, poi, era quello che avrebbe consentito la trasformazione dell'allumina in alluminio.

Questo processo industriale … degli anni Sessanta, sul quale contavamo tutti quanti, è rimasto anche lì deluso dal fatto che poi successivamente la centrale elettrica è passata all'Enel, … e quell'ipotesi che aveva fatto l'ing. Carta: carbone-energia elettrica-alluminio, è rimasta impossibile perché l'Enel ha imposto la tariffa unica nazionale. Anche se poi vi sono state delle riduzioni, però, praticamente, quel costo non è stato possibile mantenerlo.

  1. Anni '60: rinasce il sindacato, comincia la fine delle miniere
  2. Gestione pubblica, meccanizzazione, ipersfruttamento dei giacimenti, esaurimento delle miniere
  3. La politica dell'Eni in Sardegna
  4. Ciò che resta delle risorse minerarie sarde
  5. Miniere e sottosviluppo. Il caso dell'autopala "Montevecchio"
  6. La difficile via dell'alternativa industriale alle miniere
  7. La politica di verticalizzazione inconclusa degli anni Sessanta
  8. In Sardegna è mancata un progetto chiaro e documentato di uno sviluppo alternativo possibile
  9. Lo sconfortante panorama produttivo regionale attuale
  10. Lo scetticismo riguardo all'alternativa turistica
  11. La sconfitta e la delusione

home -- mappa -- chi siamo -- contatti
le miniere -- il parco -- la storia -- link
le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
libri e miniere