il logo di www.minieredisardegna.it

Vai all'intervista di:

Figli di Miniera

L'intervista a Gianfranco Bottazzi, Preside della Facoltà di Scienze politiche di Cagliari

I temi dell'intervista a Gianfranco Bottazzi

  1. Franco Farci
  2. Antonio Congia
  3. Giampiero Pinna
  4. Sandro Mezzolani
  5. Ilio Salvadori
  6. Sandro Putzolu
  7. Tarcisio Agus
  8. Daverio Giovannetti
  9. Gianfranco Bottazzi
  10. Giampiero Pinna (2)
  11. Peppuccio e Angelo
  12. Alessandra Fantinel
  13. Franco Esu
  14. Ricordi sparsi dei minatori di Buggerru

Dopo la miniera nulla. L'assenza della cultura del rischio

Si potrebbe dire anche un'altra cosa per la Sardegna, che spiega senza bisogno di chiamare in ballo fattori che non ritrovano assolutamente d'accordo, tipo la specifica mentalità dei sardi, quasi ci fosse una tara genetica per cui i sardi non possono essere imprenditori… Ma una storia che fino a sessant'anni fa, cinquant'anni fa, non bisogna andare troppo indietro, era caratterizzata per la stragrande maggioranza della popolazione sarda da un livello che era appena di sussistenza, estremamente esposto alle intemperie, alle alee del tempo, per cui la siccità… beh, non c'era la Regione che interveniva, le alluvioni, non c'era la Regione che interveniva, le epidemie di questo o di quello, non c'era… non c'era nessuna di quelle strutture che poi si sono messe in piedi successivamente. Per cui pensare che in un contadino o in un allevatore, pastore, il quale non sapeva esattamente se dopo sei mesi sarebbe riuscito a mangiare o meno, pensare che questo abbia anche una cultura del rischio, che è tipica dell'imprenditore, secondo me è assurdo. Nel senso che passare da una società tradizionale, arretrata, in condizioni appunto di sopravvivenza, a una società dove c'è invece la cultura del rischio, la cultura della concorrenza, la cultura della competizione, beh, ci vuole un po' di tempo. E quindi non è assolutamente strano. Anche perché questi stessi fenomeni non sono solo sardi, ma si ritrovano anche in tutto il mondo, in tutto il mondo che ha avuto scansioni di storia come la Sardegna noi troviamo esattamente questi tipi di realtà.

  1. Dopo la miniera nulla. La scarsità della popolazione
  2. Dopo la miniera nulla. La miniera come universo chiuso
  3. Dopo la miniera nulla. La deresponsabilizzazione dei lavoratori
  4. Dopo la miniera nulla. L'assenza della cultura del rischio
  5. La scarsitàà di popolazione si trasforma in risorsa per il turismo
  6. Il turismo come sistema moltiplicatore di attività economica e di reddito
  7. I pericoli della monocoltura turistica
  8. Le ragioni della tiepidezza nei confronti di un futuro turistico della Sardegna
  9. Il valore aggiunto rappresentato dal Parco geominerario
  10. I motivi della tiepidezza del mondo imprenditoriale rispetto all'idea del Parco

home -- mappa -- chi siamo -- contatti
le miniere -- il parco -- la storia -- link
le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
libri e miniere