il logo di www.minieredisardegna.it

Vai alla miniera di:

(Miniere di Gerrei - Parteolla)
Miniera di Masoni Pitzudu

Miniera di
Gerrei - Parteolla

  1. Fluminimaggiore
  2. Gonnosfanadiga-Villacidro
  3. Sardegna centrale
  4. Monte Narba (San Vito-Muravera)
  5. Salto di Quirra - Gerrei
  6. Nurra (Alghero) e Planargia
  7. San Vito - Villaputzu
  8. Rio Ollastu (Burcei)
  9. Arburese (Arbus)
  10. Iglesias-Gonnesa
  11. Iglesias-Marganai (Domusnovas)
  12. Monte Arci (Pau)
  13. Sulcis (alto e basso)
  14. Salto di Gessa (Buggerru)
  15. Barbagia - Alto Sarcidano
  16. Gerrei - Parteolla
  17. Monte Albo (Lula)
  18. Silius
  19. Ogliastra
  20. Orani - Nuorese
  21. Sassarese
  22. La Maddalena - Gallura

clicca per ingrandire la mappa

La miniera di antimonio di Masoni Pitzudu (o Masoni Pizzudu) è ubicata alla periferia Sud del paese di Escalaplano e risulta facilmente raggiungibile dalla Strada Provinciale n. 22 che collega il paese con Ballao; tale area mineraria dista 4 km da Escalaplano e 9 km da Ballao ed è facilmente visbile in quanto presenta i cantieri inferiori ubicati presso la strada provinciale all'altezza del 45esimo km circa.

La miniera è suddivisa in cantieri superiori, posti alle falde del Monte Masoni Pitzudu, e cantieri inferiori posti presso il rio Is Ceas a fondovalle; sono presenti diverse gallerie, discariche, un pozzo e qualche piccolo rudere ormai trasformato in ricovero per animali.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

La Storia

Leggendo il testo di Candido Baldracco si evince che la miniera di Masoni Pitzudu risale alla metà dell'800, quando risultava di proprietà dei Pisano Locci a loro volta parenti del proprietario del terreno, ovvero tale Sig. Amato Loi; nel testo si afferma inoltre che nel febbraio del 1849 una Società di Escalaplano costituitasi per coltivare il giacimento, realizzò soltanto 3 trincee minerarie e poi fermò i lavori a causa di dissidi fra i soci.

Nel 1921 nel territorio di Escalaplano erano attivi diversi permessi di ricerca per minerali di antimonio: Masoni Pitzudu, Genna Sa Curti, Monte is Tancas e Monte Marraconis; nel permesso di Masoni Pitzudu si coltivava una mineralizzazione ad antimonite in forma di disseminazioni irregolari e riempimenti di fatture orientate N-S.

Nel 1936 la Società Anonima Miniere e Fonderie di Antimonio (Gruppo A.M.M.I.) cercò di riprendere le coltivazioni, restaurando il ribasso principale e la galleria presso il rio de Sa Concia; purtroppo però i risultati furono mediocri.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

Ora la miniera di Masoni Pitzudu risulta quasi del tutto abbandonata ed inserita in un contesto agropastorale che sta lentamente cancellando le antiche testimonianze minerarie; restano a testimoniare il passato minerario le grandi discariche e le gallerie (soprattutto quelle dei cantieri alti), mentre nei cantieri bassi, un pozzo profondo ed allagato, per nulla segnalato e protetto, presenta una notevole pericolosità sia per gli uomini che per gli animali.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

I Minerali di Masoni Pitzudu

Antimonite, Arsenopirite, Pirite, Scheelite.


Bibliografia

Associazione Mineraria Sarda.

Archivio Miniera di Montevecchio.

Archivio Massimiliano Carboni.

BALDRACCO CANDIDO "Cenni sulla costituzione metallifera della Sardegna" – Torino, 1854.

FADDA ANTONIO FRANCO "Sardegna, guida ai tesori nascosti" - Cagliari, Ed. Coedisar, 1994.

Carta Geologica 1:25.000, Foglio 226 Mandas, 1959.

Carta Geologica della Sardegna 1:200.000, 1997

Vota questa miniera

Questa pagina è stata visitata 2967 volte

    home -- mappa -- chi siamo -- contatti
    le miniere -- il parco -- la storia -- link
    le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
    libri e miniere