il logo di www.minieredisardegna.it

Vai alla miniera di:

(Miniere di Sulcis)
Miniera di Monte Spina

Miniera di
Sulcis

  1. Fluminimaggiore
  2. Gonnosfanadiga-Villacidro
  3. Sardegna centrale
  4. Monte Narba (San Vito-Muravera)
  5. Salto di Quirra - Gerrei
  6. Nurra (Alghero) e Planargia
  7. San Vito - Villaputzu
  8. Rio Ollastu (Burcei)
  9. Arburese (Arbus)
  10. Iglesias-Gonnesa
  11. Iglesias-Marganai (Domusnovas)
  12. Monte Arci (Pau)
  13. Sulcis (alto e basso)
  14. Salto di Gessa (Buggerru)
  15. Barbagia - Alto Sarcidano
  16. Gerrei - Parteolla
  17. Monte Albo (Lula)
  18. Silius
  19. Ogliastra
  20. Orani - Nuorese
  21. Sassarese
  22. La Maddalena - Gallura

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

La miniera di Monte Spina è ubicata a Sud-Est rispetto alla più nota miniera di Monte Tasua ed è raggiungibile con mezzo fuoristrada sia da Monte Tasua (attraverso il Canale Peddori) che da Sirri, frazione di Carbonia, attraverso una lunga serie di strade sterrate non in buono stato; nell'area di Monte Spina è inoltre presente un vasto rimboschimento ad Eucaliptus, che ha contribuito a cancellare le tracce degli antichi lavori minerari.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

La Storia

La concessione di Monte Spina venne rilasciata nel 1900 all'Ing. Gustavo Cappa, responsabile della Società Vieille Montagne in contemporanea a quella di Monte Tasua, gestita dalla stessa società; la concessione comprendeva un'estensione di 370,66 ettari in territorio di Serbariu.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

Fino al 1921 la Soc. Vieille Montagne coltivava il giacimento mineralizzato a piombo argentifero.

In tempi più recenti la Rimisa Spa si occupò dell'area.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

Ora l'area mineraria risulta totalmente abbandonata e le poche tracce minerarie sono nascoste tra la fitta vegetazione; quel che resta delle antiche strutture è posto a nord rispetto al Monte Spina: in particolare sono presenti diversi edifici oramai ridotti a rudere, un forno di calcinazione in buono stato di conservazione, una galleria franata, ed un pericoloso pozzo per nulla segnalato e poco visibile; gli scavi si trovano invece sulle falde del Monte Spina occultati dalla vegetazione.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

I Minerali di Monte Spina

Galena argentifera.


Un ringraziamento particolare ai Sigg. Antonello Esu ed Enzo Culurgioni per averci accompagnato alla miniera.


Bibliografia

FADDA ANTONIO FRANCO "Sardegna, guida ai tesori nascosti" - Cagliari, Ed. Coedisar, 1994.

Commissione Parlamentare d'Inchiesta "Sulla condizione degli operai delle miniere della Sardegna" - Vol. 4, Parte 6, 1911.

Carta Geologica 1:25.000 Iglesias, Foglio 233, 1938.

Carta Geologica della Sardegna 1:200.000, 1997

Vota questa miniera

Questa pagina è stata visitata 2945 volte

  1. Rosas
  2. Isola di San Pietro (Capo Becco - Capo Rosso)
  3. Museo-Miniera di Serbariu
  4. San Leone
  5. S. Croce
  6. Bacu Abis
  7. Orbai
  8. Su Benatzu
  9. Miniere di Nuxis
  10. Barega
  11. Teulada
  12. Monte Tasua
  13. Santa Brà (o Santa Bra)
  14. Mont'Ega
  15. Giuenni
  16. Trubba Niedda e Mitza Sermentus
  17. Monte Spina
  18. Medau is Friagius - San Miali - Case Garanzeis
  19. Siliqua
  20. Domus de Maria-Pula
  21. Villamassargia
  22. Terras Collu
  23. Arcu su Linnarbu
  24. Monte Cerbus
  25. Su Seinargiu
  26. Serra Lurdagu

home -- mappa -- chi siamo -- contatti
le miniere -- il parco -- la storia -- link
le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
libri e miniere