il logo di www.minieredisardegna.it

Vai alla miniera di:

(Miniere di Arburese)
Miniera di Gennamari (o Gennemari)

Miniera di
Arburese

  1. Fluminimaggiore
  2. Gonnosfanadiga-Villacidro
  3. Sardegna centrale
  4. Monte Narba (San Vito-Muravera)
  5. Salto di Quirra - Gerrei
  6. Nurra (Alghero) e Planargia
  7. San Vito - Villaputzu
  8. Rio Ollastu (Burcei)
  9. Arburese (Arbus)
  10. Iglesias-Gonnesa
  11. Iglesias-Marganai (Domusnovas)
  12. Monte Arci (Pau)
  13. Sulcis (alto e basso)
  14. Salto di Gessa (Buggerru)
  15. Barbagia - Alto Sarcidano
  16. Gerrei - Parteolla
  17. Monte Albo (Lula)
  18. Silius
  19. Ogliastra
  20. Orani - Nuorese
  21. Sassarese
  22. La Maddalena - Gallura
clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

La Storia

Questo giacimento venne coltivato in età Romana, ma dopo un lungo oblio fu riscoperto da un fabbro di Arbus nel 1829.

La concessione di Gennamari (o Gennemari) precedette di poco quella della limitrofa Ingurtosu, infatti nel febbraio del 1855 venne rilasciato al negoziante genovese Marco Calvo il diritto di coltivare minerali di Piombo argentifero nelle regioni di Gennamari, Fossu Scuau e Naracauli.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

Successivamente la concessione passò alla Società di Gennemari e Ingurtosu, poi alla Pertusola e quindi alla Soc. Monteponi-Montevecchio, che vi lavorò fino alla chiusura definitiva, nel 1973. Si coltivò il medesimo corpo filoniano della miniera Ingurtosu, mentre il minerale estratto con i pozzi Edoardo, Giordano ed Est veniva trasportato alla Laveria Naracauli. L'area mineraria presso il Passo Bidderdi, dove sorgeva il pozzo Est, faceva parte della concessione Crabulazzu (o Crabulatzu).

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

Tramite un strada sterrata i cantieri di Gennamari erano collegati a quelli di Crabulazzu, Crabulazzeddu, fino a raggiungere il villaggio di Pitzinurri ad Ingurtosu.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

Oggi, il versante collinare su cui sorgeva il villaggio minerario si presenta spoglio; restano a testimonianza i grandi cameroni costruiti dopo la guerra, e le piccole casette in pietra risalenti ai primi anni di vita della miniera.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

Nel fondovalle verso Scivu, il Ministero di Grazia e Giustizia ha insediato una colonia penale (area militare Is Arenas), sfruttando parte dei fabbricati della Laveria Bau. Infatti a Bau era presente un villaggio minerario con tanto di scuola, chiesa, villa del direttore, prima dell'abbandono dell'attività mineraria e di tutte le strutture produttive. La laveria di Bau detta di Santa Barbara, venne costruita nel 1880 per il trattamento dei minerali estratti da Gennamari e Crabulassu; nel 1897 la laveria fu affiancata da una vetreria, venne costruito un forno a riverbero per la fusione del vetro, utilizzando la sabbia quarzosa abbondantemente presente nel sito. La vetreria entrò in funzione solo un anno impiegando 100 operai e producendo 450 tonnellate di vetro.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

I minerali di Gennamari

Anglesite, Calcopirite, Cerussite, Corkite, Covellite, Fluorite, Galena argentifera, Piromorfite, Pirrotite, Quarzo, Sfalerite, Siderite e Wulfenite.


Bibliografia

CONCAS E., CAROLI S. "Le minieredi Gennamari ed Ingurtosu" - Viareggio - Pezzini Editore - 1994.

FADDA ANTONIO FRANCO "Sardegna, guida ai tesori nascosti" - Cagliari, Ed. Coedisar, 1994.

MEZZOLANI SANDRO e SIMONCINI ANDREA "Sardegna da Salvare. Storia, Paesaggi, Architetture delle Miniere" VOL XIII. Nuoro, Ed.Archivio Fotografico Sardo, 2007.

OLITA OTTAVIO "Il Parco Immaginato dai Giovani. In 57 tesi di laurea le idee per dar vita al parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna"- AM&D Edizioni, 2007.

Carta Geologica 1:25.000 Capo Pecora-Guspini, Foglio 224-225.

Carta Geologica della Sardegna 1:200.000, 1997.

Vota questa miniera

Questa pagina è stata visitata 4435 volte

  1. Ingurtosu
  2. Montevecchio
  3. Gennamari (o Gennemari)
  4. Zurufusu
  5. Scivu
  6. Minixedda - Concali Bertula - Funtanas

home -- mappa -- chi siamo -- contatti
le miniere -- il parco -- la storia -- link
le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
libri e miniere