il logo di www.minieredisardegna.it

Vai alla miniera di:

(Miniere di Iglesias - Gonnesa)
Miniera di Monte Onixeddu

Miniera di
Iglesias - Gonnesa

  1. Fluminimaggiore
  2. Gonnosfanadiga-Villacidro
  3. Sardegna centrale
  4. Monte Narba (San Vito-Muravera)
  5. Salto di Quirra - Gerrei
  6. Nurra (Alghero) e Planargia
  7. San Vito - Villaputzu
  8. Rio Ollastu (Burcei)
  9. Arburese (Arbus)
  10. Iglesias-Gonnesa
  11. Iglesias-Marganai (Domusnovas)
  12. Monte Arci (Pau)
  13. Sulcis (alto e basso)
  14. Salto di Gessa (Buggerru)
  15. Barbagia - Alto Sarcidano
  16. Gerrei - Parteolla
  17. Monte Albo (Lula)
  18. Silius
  19. Ogliastra
  20. Orani - Nuorese
  21. Sassarese
  22. La Maddalena - Gallura
clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

La Storia

Il permesso di ricerca per questa antica miniera di galena argentifera risale al 1854, anno in cui vennero prodotti 173 quintali di minerale, per un valore in lire pari a 1584. Alla direzione di questi primi lavori di ricerca si alternarono negli anni '60 i vari ingegneri Eyquem, Asproni e Prospero Christin oltre che ai commercianti Rossi e Chessa.

Nel 1876 veniva affidata la concessione alla Società Italian and Spanish Mining Company che estraeva il minerale e lo inviava, parte a Carloforte, e parte alla rudimentale laveria di Morimenta.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

Nel 1889 la concessione passò alla Società Mineraria Lombarda che estese la coltivazione anche ai minerali di Zinco; la miniera passò in perpetuo al Sig. A. Von Willer, al quale venne intitolata la laveria (tuttora visibile, ma poco leggibile il nome della laveria).

Nel 1912 subentrò la Società Anonoma delle miniere di Gennamari-Ingurtosu.

Nel 1933 con il passaggio alla Società Pertusola, i lavori subirono un notevole impulso; fu costruita la laveria e vennero prodotte oltre 900 tonnellate di galena.

Nel 1969 la miniera passò alla Piombo Zincifera Sarda, e come gran parte delle miniere sarde il passaggio alla SAMIM ne decretò la fine.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

Monte Uda - Monte Cani (Vecchia miniera di piombo e zinco ubicata alla periferia Est di Gonnesa, aperta nel 1876 dalla Società Gonnesa Mining Company; Nel 1893 la miniera passò alla United Mines Company Limited: La galena di prima scelta veniva cernita a mano all'uscita della miniera, mentre la restante veniva inviata alla laveria Morimenta nei pressi di Gonnesa. Nel '900 la Pertusola, la Piombo Zincifera Sarda ed infine la SAMIM rilevarono tale miniera.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

I minerali di Monte Onixeddu

Barite, Calcite, Galena Argentifera.


Bibliografia

STARA P., RIZZO R., TANCA G.A. "Iglesiente e Arburese, Miniere e Minerali VOl 1" - Associazione Gruppi Mineralogici Italiani - 1996.

VIOLO MAURIZIO "Contributo alla conoscenza delle Mineralizzazioni nel Cambrico Sardo: la zona di M.te Onixeddu - M.te Uda" - Cagliari-Iglesias, Associazione Mineraria Sarda 1965.

FADDA ANTONIO FRANCO "Sardegna, guida ai tesori nascosti" - Cagliari, Ed. Coedisar, 1994.

MEZZOLANI SANDRO e SIMONCINI ANDREA "Sardegna da Salvare. Storia, Paesaggi, Architetture delle Miniere" VOL XIII. Nuoro, Ed.Archivio Fotografico Sardo, 2007.

SELLA QUINTINO "Relazione sulle condizioni dell'industria mineraria in Sardegna" 1871.

Carta Geologica 1:25.000, Foglio 233 Iglesias, 1938.

Carta Geologica della Sardegna 1:200.000, 1997.

Vota questa miniera

Questa pagina è stata visitata 5673 volte

  1. Seddas Moddizis - Villaggio Asproni
  2. Monteponi
  3. Seddas Moddizis - Laveria
  4. San Giovanni
  5. San Giorgio
  6. Monte Agruxiau
  7. Monte Onixeddu
  8. Cabitza
  9. Monte Scorra e Pitzu Luas
  10. Campo Pisano
  11. Genna Luas
  12. Genna Rutta (o Genna Arrutta)
  13. Domus Nieddas

home -- mappa -- chi siamo -- contatti
le miniere -- il parco -- la storia -- link
le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
libri e miniere