il logo di www.minieredisardegna.it

Vai alla miniera di:

(Miniere di Iglesias - Gonnesa)
Miniera di Monte Scorra e Pitzu Luas

Miniera di
Iglesias - Gonnesa

  1. Fluminimaggiore
  2. Gonnosfanadiga-Villacidro
  3. Sardegna centrale
  4. Monte Narba (San Vito-Muravera)
  5. Salto di Quirra - Gerrei
  6. Nurra (Alghero) e Planargia
  7. San Vito - Villaputzu
  8. Rio Ollastu (Burcei)
  9. Arburese (Arbus)
  10. Iglesias-Gonnesa
  11. Iglesias-Marganai (Domusnovas)
  12. Monte Arci (Pau)
  13. Sulcis (alto e basso)
  14. Salto di Gessa (Buggerru)
  15. Barbagia - Alto Sarcidano
  16. Gerrei - Parteolla
  17. Monte Albo (Lula)
  18. Silius
  19. Ogliastra
  20. Orani - Nuorese
  21. Sassarese
  22. La Maddalena - Gallura
clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

Antica miniera di Piombo e Zinco, situata a Nord-Ovest di Iglesias, tra le più famose miniere di Monte Agruxiau e Nebida.

Rimangono i ruderi dell'antico villaggio dei minatori, incassato nella valle Canali Genn'e Rutta; sono inoltre presenti le discariche di sterile, scavi a cielo aperto e abbancamenti di fini provenienti dal trattamento del minerale.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

Breve Storia

Tale miniera venne aperta nel lontano 1889 su concessione accordata alla Società delle Miniere della Malfidano, per un'area di 151 ettari.

L'attività si sviluppò in sotterraneo tramite una fitta rete di gallerie ed il massimo impulso si ebbe negli '50; vi si coltivava un ricco filone piombifero attraverso le Gallerie: San Marco, San Pietro e Maurizio. Il villaggio di Monte Scorra ospitava circa 200 persone fino al 1965.

Negli anni '50 la concessione passò alla Pertusola prima ed alla Soc. Montevecchio - Monteponi poi; L'esaurimento delle mineralizzazioni portò alla chiusura della miniera nei primi anni '70.

clicca per ingrandire la mappa

Non lontano dal villaggio di Monte Scorra è ubicato il cantiere di Pitzu Luas, alle falde dell'omonimo monte, a cui si riferiscono le foto sottostanti.

In questa località venne rilasciato il permesso minerario per minerali di Piombo e Argento già nel 1881.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

Nel 1925 venne costruito un pozzo per la coltivazione delle calamine oltre ad un piccolo impianto di frantumazione del minerale; nel 1938 sotto la direzione della Società Monteponi si cercò invano di intercettare le mineralizzazioni in sotterraneo in direzione della limitrofa miniera di Monte Scorra.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

I minerali di Monte Scorra

Anglesite, Calcite, Cerussite, Emimorfite, Leadhillite, Fosgenite, Galena, Sfalerite.


Bibliografia

MEZZOLANI SANDRO e SIMONCINI ANDREA "Sardegna da Salvare. Storia, Paesaggi, Architetture delle Miniere" VOL XIII. Nuoro, Ed.Archivio Fotografico Sardo, 2007.

FADDA ANTONIO FRANCO "Sardegna, guida ai tesori nascosti" - Cagliari, Ed. Coedisar, 1994.

SELLA QUINTINO "Relazione sulle condizioni dell'industria mineraria in Sardegna" 1871.

Archivio Massimiliano Carboni.

Carta Geologica 1:25.000, Foglio 233 Iglesias, 1938.

Carta Geologica della Sardegna 1:200.000, 1997.

Vota questa miniera

Questa pagina è stata visitata 5208 volte

  1. Seddas Moddizis - Villaggio Asproni
  2. Monteponi
  3. Seddas Moddizis - Laveria
  4. San Giovanni
  5. San Giorgio
  6. Monte Agruxiau
  7. Monte Onixeddu
  8. Cabitza
  9. Monte Scorra e Pitzu Luas
  10. Campo Pisano
  11. Genna Luas
  12. Genna Rutta (o Genna Arrutta)
  13. Domus Nieddas

home -- mappa -- chi siamo -- contatti
le miniere -- il parco -- la storia -- link
le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
libri e miniere