il logo di www.minieredisardegna.it

Vai alle miniere di:

Monte Arci

L’ossidiana: diffusione

  1. Fluminimaggiore
  2. Gonnosfanadiga-Villacidro
  3. Sardegna centrale
  4. Monte Narba (San Vito-Muravera)
  5. Salto di Quirra - Gerrei
  6. Nurra (Alghero) e Planargia
  7. San Vito - Villaputzu
  8. Rio Ollastu (Burcei)
  9. Arburese (Arbus)
  10. Iglesias-Gonnesa
  11. Iglesias-Marganai (Domusnovas)
  12. Monte Arci (Pau)
  13. Sulcis (alto e basso)
  14. Salto di Gessa (Buggerru)
  15. Barbagia - Alto Sarcidano
  16. Gerrei - Parteolla
  17. Monte Albo (Lula)
  18. Silius
  19. Ogliastra
  20. Orani - Nuorese
  21. Sassarese
  22. La Maddalena - Gallura

..:Pagina principale su Monte Arci


È noto che l'ossidiana nel mondo antico ha rappresentato una risorsa preziosa, per la possibilità di realizzare con essa tutta una serie di strumenti di uso quotidiano. Questa è anche una delle ragioni per cui la Sardegna, e specialmente la piana ai piedi del Monte Arci, ha attratto fortemente l'uomo preistorico.

Da qui l'ossidiana del Monte Arci si diffuse gradatamente in tutta l'isola, in Corsica, quindi nell'Italia centrale (Toscana e Lazio, in particolare), nell'Italia settentrionale, nel sud della Francia, e infine, sebbene in maniera meno frequente, nell'arco pirenaico e in Catalogna.

Per le fasi più antiche della sua diffusione sembra improprio parlare di vero e proprio commercio, vale a dire di un'attività propriamente specializzata finalizzata all'approvvigionamento della materia prima o dei manufatti nei luoghi di loro produzione, e alla loro successiva vendita in luoghi diversi e diversamente lontani. Si dovrà parlare piuttosto di "scambi di confine" tra popolazioni diverse grazie a cui l'ossidiana si è diffusa in luoghi sempre più distanti da quelli di origine.

Per tutta la fase antica del Neolitico, l'ossidiana si diffonde nella forma grezza di noduli o in quella di prima lavorazione. Solo nella fase finale del Neolitico la situazione tende probabilmente a mutare, nel senso che la pietra sempre più si diffonde nella forma di manufatti finiti.

Tale mutamento nelle condizioni di diffusione è legato al contemporaneo imporsi di forme di lavorazione del materiale litico sempre più accurate ad opera ormai di veri e propri specialisti. A sua volta ciò dipende dalla progressiva diffusione di strumenti in metallo, che consentono una migliore e più accurata lavorazione dei manufatti in pietra, ma contemporaneamente rappresentano anche una concorrenza a cui gli specialisti della pietra rispondono con manufatti sempre più curati.

Si arriva cioè alla condizione che uno strumento in pietra può competere con uno in metallo solo se raggiunge determinati standard di perfezione. Ma questi standard possono essere raggiunti solamente da specialisti. E questi livelli di specializzazione si ritrovano solo in prossimità della materia prima.

Strutture turistiche

Questa pagina è stata visitata 4577 volte

  1. I principali geotopi del Monte Arci
  2. L’ossidiana: caratteristiche e formazione
  3. L’ossidiana: estrazione e lavorazione
  4. L’ossidiana: diffusione

home -- mappa -- chi siamo -- contatti
le miniere -- il parco -- la storia -- link
le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
libri e miniere