il logo di www.minieredisardegna.it

Museo Paleobotanico e Archeologico di Perfugas

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

Il Museo

il Museo è ospitato negli ex-locali del mercato del bestiame e raccoglie le testimonianze paleontologiche e archeologiche provenienti dal territorio dell'Anglona. Comprende una sezione paleobotanica (di età oligo-miocenica), una paleolitica, con manufatti in pietra riferiti al Paleolitico inferiore (500.000-120.000 a.C.), una prenuragica e nuragica (culture di Ozieri, 3300-2900 a.C., e di Bonnanaro, 1800-1200 a.C.) e una medievale.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

La sezione paleobotanica comprende fossili di piante, palme, cipressi e pioppi, provenienti dalla foresta fossile di Carrucana (e di altri siti nell'Anglona), che si formò tra i 30 e i 15 milioni di anni fa in seguito ad eventi che portarono alla silicizzazione e quindi alla conservazione di tale piante. L'area interessata alle foreste fossili nell'Anglona occupa i 300 kmq ed affiora nei comuni di Perfugas, Laerru, Bulzi, Martis e Santa Maria Coghinas. Lo studio delle sezioni sottili ha permesso di riconoscere le specie vegetali mioceniche come il Cupressoxylon peocinum e il Tertraclinoxylon anglonae.

In particolare il fenomeno dell'incrostazione da parte di organismi algali, pur non avendo impedito il disfacimento dei resti vegetali, ha conservato le impronte delle cortecce nelle superfici interne; questo fenomeno è apprezzabile nei campioni fossili di Carrucana, nel territorio di Martis.

clicca per ingrandire la mappa

Nel Museo sono presenti anche compioni fossili ddel miocene del territorio come: echinidi, molluschi e crostacei, che andrebbero studiati e determinati.

clicca per ingrandire la mappa clicca per ingrandire la mappa

La sezione paleolitica ospita i materiali più antichi finora rinvenuti in Sardegna: gli strumenti in selce del clactoniano arcaico dal Rio Altana, e i raschiatoi e i denticolati da Sa Pedrosa-Pantallinu del clactoniano evoluto.

Il Neolitico è rappresentato dalla statuina di "Dea Madre con bambino". Sono inoltre presenti numerose ceramiche, utensili di pietra e manufatti bronzei, tra cui un pugnale ad elsa gammata integro, attribuibili alla civiltà Nuragica.

Altri reperti d'importazione del VII-VI sec. a.C sono i vasi attici e punici del V-IV sec. a.C. e altre ceramiche di età ellenistica e romana che illustrano l’età storica.

clicca per ingrandire la mappa

Tra i materiali altomedievali sono compresi vasi d'impasto del V secolo, un anello bronzeo del VI secolo, vaghi di pasta vitrea e una punta di lancia del VII-VIII secolo.

Sono inoltre esposti materiali riferibili ai secoli IX-XIII.

Tale Museo merita quindi di essere visitato in quanto offre al visitatore una visione completa del territorio dell'Anglona, frequentato dall’uomo con continuità a partire dal Paleolitico inferiore.

Il Museo e le visite guidate sono gestite dalla Società Sa Rundine, costituitasi il 29/07/97, la quale ha come finalità la gestione, la promozione, la valorizzazione e la salvaguardia della struttura museale e dei beni culturali del territorio.

Oltre alla gestione del MAP (Museo Archeologico e Paleobotanico) di Perfugas, Sa Rundine effettua il servizio di accompagnamento e visita guidata al Pozzo sacro del Predio Canopoli, al Retablo di San Giorgio e ad alcuni siti di interesse archeologico e storico artistico presenti nel territorio di Perfugas e dell’Anglona.

Nell’ambito della Didattica la Società propone alle scuole laboratori didattico-educativi che permettono agli studenti di vedere e provare i metodi di realizzazione di manufatti preistorici con “l’apprendere attraverso il fare”.

Nel Museo non esistono barriere architettoniche.


ORARI DI APERTURA MUSEO

OTTOBRE - MAGGIO: Mattina: 9:00/13:00 - Pomeriggio: 15:00/19:00.

GIUGNO - SETTEMBRE: Mattina: 9:00/13:00 - Pomeriggio: 16:00/20:00.

CHIUSURA SETTIMANALE: Lunedì.


SOCIETA' SA RUNDINE

Via Sauro, 07034 Perfugas (SS).

TELEFONO/FAX: +39.079.564241

MOBILE: +39.349.7777103

MAIL: sarundine@tiscali.it

home -- mappa -- chi siamo -- contatti
le miniere -- il parco -- la storia -- link
le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
libri e miniere