il logo di www.minieredisardegna.it

Museo Paleontologico di Fluminimaggiore

Fossili del Fluminese.

Forse non tutti sanno che nel paese di Fluminimaggiore è presente un museo paleontologico che raccoglie al suo interno una importante collezione di fossili del fluminese. La struttura museale risulta inadeguata ad accogliere i visitatori e di conseguenza è mal gestita, ma nostante ciò la collezione paleontologica merita di essere vista. Infatti è possibile ritrovare tra le teche impolverate importanti campioni di Trilobiti, Cruziane, Bilobiti, Cardiole, articoli di Crinoide, Archeociatine, teche di Cistoide, scisti ad Orthis ma soprattutto campioni in matrice e singoli di Orthoceras; ovvero la fauna marina che popolava i mari paleozoici della Sardegna. Il museo ora è stato affidato al Gruppo Speleologico Fluminese "Su Mannau" in attesa di essere valorizzato.

clicca per ingrandire l'immagine clicca per ingrandire l'immagine clicca per ingrandire l'immagine

Fossili del Cambriano di Fluminimaggiore (570-505 M.a.)

I primi organismi viventi apparvero sulla terra nel periodo Cambriano,e in Sardegna affiorano le rocce che contengono quelle antiche testimonianze. Infatti nelle arenarie, nei calcari e negli scisti del Sulcis-Iglesiente e del Fluminese è possibile scoprire i fossili di questi organismi oramai estinti. In particolare tra i fossili più importanti del Cambriano citiamo le Archeociatine e i Trilobiti. Le prime erano animali marini che vivevano sul fondale in prossimità della scogliera, ed erano una via di mezzo tra le spugne ed i coralli. L'accumulo delle loro teche calcaree ha dato luogo ai cosidetti calcari ad archeociatine. I trilobiti erano anch'essi animali marini, artropodi, vicini dal punto di vista sistematico ai crostacei. Il loro nome è dovuto al fatto che il loro corpo è diviso sia in senso trasversale che in quello longitudinale in 3 lobi distinti.

clicca per ingrandire l'immagine

clicca per ingrandire l'immagine

clicca per ingrandire l'immagine clicca per ingrandire l'immagine clicca per ingrandire l'immagine clicca per ingrandire l'immagine clicca per ingrandire l'immagine

Fossili dell'Ordoviciano (505-438 M.a.)

In Sardegna l'Ordoviciano a differenza del Cambriano ha una diffusione più ampia,ma solamente nel sud-ovest e nel sud-est talia ffioramenti sono databili per la presenza dei fossili; nel resto dell'isola sono stati trovati sedimenti sterili. Soprattutto nel Fluminese si presenta particolarmente ricco di fossili, di Tetracoralli, Briozoi, Brachiopodi, Cistoidi, Blasoidi e Trilobiti; tale documentazione paleontologica testimonierebbe un ambiente di tipo lagunare o comunque di mare basso ricco di vita.

clicca per ingrandire l'immagine

clicca per ingrandire l'immagine clicca per ingrandire l'immagine clicca per ingrandire l'immagine

Fossili del Siluriano (538-408 M.a.)

I calcari neri del Siluriano sono piuttosto diffusi nel territorio di Fluminimaggiore, e sarebbero la prova che a partire dal Siluriano si instaurò un lungo periodo di ambiente di sedimentazione in mare aperto. Queste rocce racchiudono abbondanti Orthoceras, antichi molluschi cefalopodi. Sono inoltre molto diffusi i Graptoliti, e le Cardiole organismi marini molto comuni nel Siluriano. Il colore nero caratteristico di queste rocce sedimentarie dimostrerebbe la presenza di un fondale marino poco ossigenato Anossico).

clicca per ingrandire l'immagine clicca per ingrandire l'immagine

clicca per ingrandire l'immagine clicca per ingrandire l'immagine clicca per ingrandire l'immagine clicca per ingrandire l'immagine clicca per ingrandire l'immagine clicca per ingrandire l'immagine

Bibliografia

COMASCHI CARIA IDA "Animali e piante fossili della Sardegna" - Ed della Torre - Cagliari 1986.

SPINAR ZDENEK V. "Quando l'uomo non c'era" - F.F. Editori - Milano 1981.

home -- mappa -- chi siamo -- contatti
le miniere -- il parco -- la storia -- link
le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
libri e miniere