il logo di www.minieredisardegna.it

Storia mineraria della Sardegna

La Sardegna sotto i Savoia

I capitoli

Nel periodo compreso tra la fine del 1600 e il primo decennio del 1700, l'equilibrio tra le grandi potenze europee si modificò in maniera irreversibile. L'entrata in crisi dell'impero spagnolo dopo la morte di Carlo II, avvenuta il 1 novembre del 1700, scatenò guerre sanguinose per la spartizione dei suoi immensi territori. L'impero spagnolo comprendeva, oltre alla Spagna, i Paesi Bassi, il Regno di Napoli, la Sicilia, la Sardegna, Milano, le colonie dell'America centrale e meridionale e le Filippine.

La pace di Utrecht del 2 aprile 1713 e il Trattato di Rastadt del 6 marzo 1714 affermarono un nuovo quadro europeo e mondiale. Alla resa incondizionata della Spagna corrispose un'indubbia affermazione dell'Inghilterra che diveniva il vero arbitro dell'Europa. L'equilibrio tra Francia e Austria permise all'Inghilterra di imporre il suo controllo sui mari e sul commercio internazionale.

Con la pace di Utrecht la Sardegna conobbe il governo dell'Austria. Esso durò pochi anni, perché già nel 1718 con i patti stipulati a Londra e firmati all'Aja nel 1720, venne stabilito che Vittorio Amedeo II di Savoia ricevesse la Sardegna in cambio della Sicilia.

I Savoia furono riluttanti ad accettare la Sardegna, una terra che non volevano, e al posto della quale chiesero inutilmente la Toscana. Tentarono, inutilmente, di "barattarla" in qualche modo per avere in cambio altri territori o città come Venezia. Risultati vani questi tentativi, l'8 agosto del 1720 rinacque il Regno di Sardegna: il 2 settembre dello stesso anno Felice Pallavicino, barone di Saint Remy, venne nominato viceré.

Nel 1720 la Sardegna era contraddistinta da una grande arretratezza economica, sociale e culturale. La società sarda era composta da agricoltori, pastori (proprietari e servi), artigiani che facevano parte della classe inferiore. I feudatari, i nobili, l'alto clero, i cavalieri e gli alti burocrati facevano parte della classe privilegiata, poco numerosa e raramente residente in Sardegna, ma detentrice dei più ampi poteri.

Bisognava creare condizioni di base per lo sviluppo della Sardegna. Due erano i settori individuati: l'agricoltura e le miniere.

  1. La Sardegna sotto i Savoia
  2. La concessione generale ai Nieddu e Durante
  3. La concessione generale a Carl Gustav Mandell
  4. La seconda metà del Settecento
  5. La gestione dell’avvocato Mameli (1759-1762)
  6. La gestione del Cav. Belly (1762 – 1791)
  7. Anni Trenta dell’Ottocento: le proposte dell’Ingegner Mameli

home -- mappa -- chi siamo -- contatti
le miniere -- il parco -- la storia -- link
le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
libri e miniere