il logo di www.minieredisardegna.it

Miniera di Baccu Locci: sintesi storica

Le storie

..:Miniera di Baccu Locci


Per tutto l'Ottocento la regione di Baccu Locci fu oggetto di tentativi di sfruttamento della galena e della blenda che non diedero risultati favorevoli, sia per la natura complessa del giacimento, sia perché la presenza di alte percentuali di minerali minori (tra cui l'arsenopirite) allora non commerciali rendeva complesso il processo di separazione e di arricchimento. Solo alla fine del secolo la situazione mutò grazie all'acquisizione dei diritti sulla miniera da parte dell'ingegnere francese Emile Jacob (attivo in quegli anni in altre miniere secondarie del Sarrabus e dell'arburese, vedi la pagina sulla storia della miniera di Fenugu Sibiri) che associò nell'impresa l'avvocato francese Guinebertière. L'attività estrattiva si svolse regolarmente per alcuni anni, soprattutto nel cantiere Santa Teresa, dove si coltivava un giacimento di minerali di vario tipo, in modo particolare rame, argento, arsenico, ferro e antimonio.

Nel 1919 la miniera fu affidata in subconcessione alla Compagnia Francese delle Miniere del Laurium, che coltivò solo le parti più ricche della miniera abbandonando gli altri cantieri, e impiegando una cinquantina di minatori e di donne addette alla cernita, fase nella quale si utilizzavano per lo più crivelli sardi.

Nel 1928, allo scadere della subconcessione, Paul Guinebertière decise di gestire direttamente la miniera, ma la sua scarsa redditività lo spinse ad abbandonare i lavori, tanto che la concessione gli fu revocata (1933).

Il periodo di inattività si interruppe nel 1938, quando la società Rumianca si interessò a Baccu Locci per la presenza dell'arsenopirite. Tale minerale, infatti, aveva cominciato ad essere impiegato nell'industria chimica, il che ne aveva reso remunerativa l'estrazione.

La Rumianca fu protagonista di grandi investimenti che consentirono l'ammodernamento complessivo degli impianti. In primo luogo questi furono serviti da un elettrodotto. Nell'immediato dopoguerra la società costruì con finanziamenti statali la laveria e realizzò un sistema di teleferiche che trasferiva il minerale estratto all'impianto di flottazione. Qui il processo di arricchimento del minerale grezzo era impostato su due linee, una per la galena l'altra per i minerali di arsenico. Questo secondo, tuttavia, fu subito danneggiato e reso inutilizzabile dall'acido solforico utilizzato nel processo di arricchimento.

La Rumianca non fece invece nulla per migliorare le condizioni di lavoro degli operai in galleria: né un necessario sistema di ventilazione forzata, né l'adozione delle perforatrici ad umido, che avrebbero evitato in tutto o in parte l'inalazione da parte dei minatori di vere e proprie polveri velenose.

Nel 1952 gli operai impiegati erano 120, soprattutto nel cantiere San Riccardo. Negli anni successivi, come per la quasi totalità delle miniere sarde, anche per Baccu Locci cominciò la fase di decadenza, che si concluse nel 1965 con la rinuncia alla concessione da parte della Rumianca.


Bibliografia essenziale


SANDRO MEZZOLANI, ANDREA SIMONCINI - Sardegna da salvare. Paesaggi e Architetture delle Miniere - Editrice Archivio Fotografico Sardo, Nuoro 1993.

ANTONIO FRANCESCO FADDA - Siti minerari in Sardegna - Coedisar, Cagliari 1997.

STEFANO C. ZUCCHETTI - The Lead-Arsenic-Sulfide ore deposit of Bacu Locci (Sardinia-Italy) - Economic Geology vol. 53, November 1958.

Questa pagina è stata visitata 5271 volte

Arburese ]

Fluminimaggiore ]

Gonnosfanadiga ]

Iglesias-Gonnesa ]

Monte Narba ]

Nurra ]

Rio Ollastu ]

Salto di Quirra - Gerrei ]

—> Baccu Locci

—> Sa Lilla

San Vito - Villaputzu ]

home -- mappa -- chi siamo -- contatti
le miniere -- il parco -- la storia -- link
le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
libri e miniere