il logo di www.minieredisardegna.it

Vai all'intervista di:

Figli di Miniera

L'intervista a Ilio Salvadori, Presidente dell'Igea

I temi dell'intervista a Ilio Salvadori

  1. Franco Farci
  2. Antonio Congia
  3. Giampiero Pinna
  4. Sandro Mezzolani
  5. Ilio Salvadori
  6. Sandro Putzolu
  7. Tarcisio Agus
  8. Daverio Giovannetti
  9. Gianfranco Bottazzi
  10. Giampiero Pinna (2)
  11. Peppuccio e Angelo
  12. Alessandra Fantinel
  13. Franco Esu
  14. Ricordi sparsi dei minatori di Buggerru

I rapporti tra Igea e l’Ati Geoparco

C'è stata la questione che lei diceva prima: "Ma rapporti tra voi e l'Ati…". All'inizio sono stati tesi, nel senso che non sapevamo che pesci pigliare: "Ma dobbiamo farli noi o devono farli noi [lapsus freudiano, ndr] questi lavori, è esclusiva nostra o è esclusiva loro, oppure un pochino di tutti". Poi finalmente, attraverso il lavoro fatto dagli assessorati interessati, la cosiddetta "cabina di regia" si è cercato di trovare delle soluzioni che, senza penalizzare Igea, accontentassero anche gli altri. Quindi una proposta di trovare delle suddivisioni di incarichi, sempre in proprietà di Igea, che però potessero essere, diciamo, realizzati, i lavori, dai lavoratori dell'Ati.

Anche perché non erano lavori minerari … erano lavori che potevano essere fatti da lavoratori che, certamente bravi per certe cose, ma non erano nati per fare il minatore. Questo è positivo. Quindi, dove non c'era da fare grossi lavori anche di tipo minerario, ma anche senza arrivare al tipo minerario di risanamento dove noi già avevamo fatto studi, fatto valutazioni dell'impatto ambientale … quelli lì abbiamo cercato di rimanere noi, di farli con i nostri operai, eccetera. E abbiamo detto "Siamo decisi!".

Adesso la questione sembra avanzata e avanzare in questo senso, e adesso speriamo che si arrivi quanto prima a una definizione definitiva della questione, in modo che ci sia lavoro per tutti. D'altronde, guardi, di disinquinamenti, di riabilitazione ce n'è da fare per tutti. Perché miniere o non miniere, ci sono dei siti che certamente hanno risentito in maniera sostanziale dell'attività dell'uomo, dell'uomo minatore poi in particolare … E ci vorranno anni per farlo, sia per fare la messa in sicurezza, per completarla, sia per farne la riabilitazione, sia per farne la rivalorizzazione, cioè per prepararli per essere utilizzati per altre attività. Che è fondamentale, perché è inutile… cioè, insomma, questo territorio va recuperato perché possa, attraverso attività tra cui quella turistica, ma anche quella artigianale, è importante che possa ritrovare una sua produttività.

  1. Come nasce l’Igea
  2. L'Igea e la gestione turistica dei siti
  3. L’esclusione dell’Igea dal Parco
  4. I rapporti tra Igea e l’Ati Geoparco
  5. L’Igea in numeri
  6. Le prospettive future dell’Igea

home -- mappa -- chi siamo -- contatti
le miniere -- il parco -- la storia -- link
le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
libri e miniere