il logo di www.minieredisardegna.it

Vai alla miniera di:

(Miniere di San Vito - Villaputzu)
Miniera di Brecca

Miniera di
San Vito - Villaputzu

  1. Fluminimaggiore
  2. Gonnosfanadiga-Villacidro
  3. Sardegna centrale
  4. Monte Narba (San Vito-Muravera)
  5. Salto di Quirra - Gerrei
  6. Nurra (Alghero) e Planargia
  7. San Vito - Villaputzu
  8. Rio Ollastu (Burcei)
  9. Arburese (Arbus)
  10. Iglesias-Gonnesa
  11. Iglesias-Marganai (Domusnovas)
  12. Monte Arci (Pau)
  13. Sulcis (alto e basso)
  14. Salto di Gessa (Buggerru)
  15. Barbagia - Alto Sarcidano
  16. Gerrei - Parteolla
  17. Monte Albo (Lula)
  18. Silius
  19. Ogliastra
  20. Orani - Nuorese
  21. Sassarese
  22. La Maddalena - Gallura

..:Storia    ..:Edwardes - La Sardegna e i Sardi


ingrandimento della mappa ingrandimento della mappa

La miniera di Brecca o Genna Flumini è raggiungibile dalla statale 387 che collega San Vito con Ballao.

All'altezza del chilometro 27, in corrispondenza con una ampia ansa del Flumendosa, si abbandona la statale e si imbocca (a destra per chi viene da San Vito, a sinistra per chi giunge da Ballao) una strada asfaltata e in buone condizioni che in pochi chilometri e alcune curve si arrampica verso il piccolo borgo agricolo di Brecca. Si tratta di quattro-cinque casolari assegnati dall'Etfas negli anni Sessanta ad altrettanti assegnatari, che si dividono quella che un tempo era l'azienda agraria annessa alla miniera.

clicca per vedere un ingrandimento dell'immagine clicca per vedere un ingrandimento dell'immagine ingrandimento della mappa ingrandimento della mappa ingrandimento della mappa

Adiacenti al borgo sono alcuni edifici che dovevano essere verosimilmente funzionali all'azienda agricola più che alla miniera vera e propria.

Qui l'incontro con un anziano e simpatico allevatore del posto (signor Giovanni) ci aveva introdotto alla miniera con un racconto che l'ha ammantata di un'atmosfera alla "Cime tempestose".

Rifacendosi ai racconti del padre, defunto a novantaquattro anni una trentina di anni fa, ci raccontò che il proprietario era un inglese che si dilettava anche di astronomia (ci indicò anche i due cocuzzoli dove eseguiva le sue osservazioni notturne). Mentre lui seguiva la miniera e le stelle, la sua famiglia andava in sfacelo: la moglie alcolizzata ("madama Brecca") andava in escandescenze e lanciava piatti dalle finestre, e la figlia se la faceva col fattore. La conseguenza fu una gravidanza che il nostro inglese cercò di interrompere con non si sa quali intrugli. Questi ultimi furono efficaci oltremisura, perché oltre al figlio della colpa fecero fuori anche la colpevole. Sopraffatto dal dolore nove giorni dopo anche il tecnico inglese si tolse la vita col veleno. Alla moglie non restò altro da fare che prendersi il secondo figlio e recarsi a Cagliari.

Niente male come storia a tinte forti, non vi pare? In effetti lo scopritore, proprietario e poi direttore responsabile della miniera, fu fino ai primi anni del Novecento un tecnico minerario inglese, J.M. Moss (vedi la breve storia della miniera). Inoltre il luogo è estremamente isolato ora, figuratevi un secolo fa. Di questa storia non ho trovato traccia in nessuna pubblicazione, ma se non è vera, chi se ne importa? L'importante è che si addica al luogo, e vi assicuro che gli si addice. E poi ci è stata raccontata molto bene.

ingrandimento della mappa ingrandimento della mappa clicca per vedere un ingrandimento della fotografia clicca per vedere un ingrandimento della fotografia

Questa vicenda dalle tinte fosche è in qualche modo confermata dalle memorie di un viaggiatore inglese, Charles Edwardes, che nel 1888 visitò la Sardegna e ne lasciò memoria in un libro pubblicato a Londra l'anno successivo e intitolato Sardinia and the Sardes. Segui questo link per leggere alcuni passi del testo relativi alla miniera di Brekker (così chiamata nel libro) e all'Ing. Moss.

clicca per vedere un ingrandimento della fotografia clicca per vedere un ingrandimento della fotografia clicca per vedere un ingrandimento della fotografia clicca per vedere un ingrandimento della fotografia

Il piccolo villaggio è costruito sul versante settentrionale della valletta scavata dal rio Brecca. Ci si arriva dall'attuale borgo agricolo di Brecca percorrendo una stradina che comincia alle spalle degli edifici raffigurati nelle fotografie precedenti. Da quello che resta sembra capire che fosse frutto di un progetto complessivo, pensato appositamente per il ripido versante in cui è costruito. Al suo centro sorgeva una costruzione a due piani di cui resta un solo mozzicone di muro, verosimilmente la dimora del direttore e della sua famiglia. Il tutto dà l'impressione di razionalità, funzionalità e ordine. La mineralizzazione antimonifera fu invece sfruttata mediante tre livelli principali: San Raffaele, San Samuele e Santa Barbara; lungo li rio Brecca erano inoltre presenti le Gallerie Santa Maria, San Giuseppe, Santa Barbara e Santa Caterina.

ingrandimento della mappa ingrandimento della mappa clicca per vedere un ingrandimento della fotografia clicca per vedere un ingrandimento della fotografia

Sotto il piccolo villaggio minerario la gola di Rio Brecca si allarga per un breve tratto. Qui fu costruita la forgia e il forno per il trattamento dell'antimonio. In particolare il locale che ospitava il formo di liquazione dell'antimonio era costruito in muratura, aperto sul lato Nord-Est da un grande arco che costituiva l'ingresso principale preceduto da una gradinata; il forno era doppio ed aveva agli estremi le camere di liquazione e di condensazione.

ingrandimento della mappa ingrandimento della mappa clicca per vedere un ingrandimento della fotografia clicca per vedere un ingrandimento della fotografia

In tempi recenti nella miniera di Brecca era in atto una concessione per ricerca mineraria. Un ricercatore di San Basilio (un paese della Trexenta in provincia di Cagliari) compì dei sondaggi alla ricerca dell'oro e altri minerali preziosi. La sua concessione era insidiata dalla Sardinian Gold Mining.

Il Signor Maxia (così si chiamava il ricercatore) è morto qualche anno fa a causa di un infarto; sarebbe stato interessante realizzare un documentario su di lui, visto che era alla disperata ricerca di finanziamenti per poter sfruttare la miniera di Brecca, che lui diceva ricca di oro e platino.

clicca per vedere un ingrandimento della fotografia clicca per vedere un ingrandimento della fotografia ingrandimento della mappa ingrandimento della mappa clicca per vedere un ingrandimento della fotografia

Lungo il versante settentrionale della valle si aprono una serie di gallerie facilmente visitabili, anche se con tutte le cautele del caso e per brevi tratti.

clicca per vedere un ingrandimento della fotografia clicca per vedere un ingrandimento della fotografia clicca per vedere un ingrandimento della fotografia ingrandimento della mappa

Per la visita a Brecca vi consigliamo di contattarci, visto che pur trattandosi di un percorso semplice, presenta due passaggi difficili in cui prestare attenzione. La fatica sarà sicuramente ripagata da un ambiente dagli scenari semplicemente splendidi e ammantati di mistero.

clicca per vedere un ingrandimento della fotografia clicca per vedere un ingrandimento della fotografia clicca per vedere un ingrandimento della fotografia

Cartina IGM: 549, III

Vota questa miniera

Questa pagina è stata visitata 13260 volte

    home -- mappa -- chi siamo -- contatti
    le miniere -- il parco -- la storia -- link
    le interviste -- i minierabondi -- precauzioni
    libri e miniere